La Pinsa

pizza_right.png


Il termine PINSA deriva dal latino "Pinsere" che significa stendere, allungare, e venne assegnato a questa pietanza
proprio per la sua forma ovale.
La Pinsa ha origine in epoca romana e veniva preparato tramite una miscela di differenti farine: frumento, soia e riso.
Arrivando ai giorni nostri, questo strepitoso alimento ha subito delle variazioni, rimanendo sempre comunque
fedele alla ricetta originale.
Il mix di farine utilizzato nella preparazione è unico, difficilmente comparabile con altri piatti: questo conferisce alla
Pinsa un sapore inconfondibile.

 
Perchè è cosi buona?

icona_perchè è così buona.png

Nella preparazione di ha cura di tanti dettagli tra cui la temperatura e l'umidità di ingredientie ambiente, tempistiche e metodi di impastamento.
La temperatura dell'impasto è fondamentale per una corretta lievitazione che dura dalle 24 alle 72 ore.
La Pinsa è croccante fuori e morbida dentro, altamente digeribile e leggera, ma allo stesso tempo con u sapore di pasta lievitata difficile da imitare.
La totale assenza di grassi animali e vegetali (ad eccezione di una piccola quantità di olio extravergine di oliva) ne fa un alimento sano e ipocalorico.

SCEGLI I CONDIMENTI CHE PREFERISCI
E GUSTA QUESTO CAPOLAVORO

9D5A4470_copia_Copia.png

9D5A4448_copia.png

Pinsa_1_.png

pinsa_dettaglio.png

Pinsa_pronta_1_.png

Pinsa_pronta_3_.png